Tablespace

Creare Tablespaces in ASM

Creare Tablespaces in ASM Quando ASM crea un datafile per un tablespace permanente ,il datafile è impostato come auto-extend con una dimensione massima illimitata e una dimensione predefinita di 100MB. È possibile utilizzare la clausola AUTOEXTEND per ignorare questa estensibilità di default e la clausola SIZE per ignorare la dimensione predefinita. ASM applica gli attributi al datafile come specificato nel modello di default del sistema, e come indicato nella tabella in “Managing Disk Group Templates”. Avendo un gruppo di dischi di nome DATA, è possibile creare un TBSLAVORO in quel gruppo di dischi con la seguente istruzione SQL: CREATE TABLESPACE Continua a leggere

Creare Tablespaces in ASM

  Quando ASM crea un datafile per un tablespace permanente il datafile è impostato come auto-extend con una dimensione massima illimitata e una dimensione predefinita di 100MB. È possibile utilizzare la clausola AUTOEXTEND per ignorare questa estensibilità di default e la clausola SIZE per ignorare la dimensione predefinita. ASM applica gli attributi al datafile come specificato nel modello di default del sistema, e come indicato nella tabella in “Managing Disk Group Templates”. Avendo un gruppo di dischi di nome DATA, è possibile creare un TBSLAVORO in quel gruppo di dischi con la seguente istruzione SQL: CREATE TABLESPACE TBSLAVORO DATAFILE ‘+DATA’; Continua a leggere

Se la Tablespace Sysaux cresce rapidamente

  SE LA TABLESPACE SYSAUX CRESCE RAPIDMENTE Qualche volta, soprattutto per i nuovi database, i DBA devono gestire una rapida crescita della tablespace SYSAUX. In molti casi ciò è dovuto alle informazioni dello snapshot AWR, pertanto si deve modificare lo spazio della SYSAUX per mantenerlo. Normalmente dimensioni comprese tra 500MB e 1GB sono adeguate, in quanto lo spazio dello snapshot AWR viene riutilizzato in base al tempo di ritenzione AWR (default: 7 giorni) e alla frequenza (default: ogni ora) di creazione dello snapshot: SQL> SELECT RETENTION FROM DBA_HIST_WR_CONTROL; RETENTION ————————————————————————— +00007 00:00:00.0 SQL> SELECT SNAP_INTERVAL FROM DBA_HIST_WR_CONTROL; SNAP_INTERVAL ————————————————————————— +00000 Continua a leggere

ORACLE DATABASE 12C: Nuove Feature per Oracle Database File System

Oracle Database File System (DBFS) è stato introdotto dalla versione 11g R2 e fa parte delle feature XML DB (in breve, XDB). Il concetto è semplice: DBFS è un tablespace i cui contenuti sono documenti (in particolare colonne LOB) direttamente accessibili come file system esterni. In Oracle 11g R2 l’unico modo per realizzarlo era tramite il software FUSE (Filesystem in Userspace) disponibile solo su piattaforme Linux e Solaris. Oltretutto, la configurazione di DBFS era abbastanza complessa. Oracle 12c introduce il supporto per HTTP, FTP e i protocolli WebDAV, semplificando la fase di configurazione e aumentando l’accessibilità. Il processo di creazione Continua a leggere

Come eliminare e creare un Tablespace temporaneo

Un tablespace temporaneo è usato per gestire operazioni di sort del database e per memorizzare tabelle globali temporanee. Per esempio, se si mettono in join due tabelle grandi, e Oracle non può effettuarne il sort in memoria (vedi parametri di inizializzazione della SORT_AREA_SIZE), lo spazio verrà allocato in un tablespace temporaneo per effettuare l’ordinamento. Altre operazioni SQL che potrebbero necessitare di disk sorting sono: CREATE INDEX, ANALYZE, Select DISTINCT, ORDER BY, GROUP BY, UNION, INTERSECT, MINUS, Sort-Merge joins, ecc.        Creare un’altro Tablespace temporaneo CREATE TEMPORARY TABLESPACE TEMP2TEMPFILE  ‘/xxx/xxx/temp02′ SIZE 500m;     Modificare il tablespace temporaneo di default ALTER DATABASE DEFAULT TEMPORARY TABLESPACE TEMP2;  Continua a leggere

Moving Audit Trail Table

Reading the previous article posted on June 3 about enabling auditing in an Oracle Database, I’d like to add some other useful information. Oracle stores all the audit results in the SYS.AUD$ table, as stated in the previous article. But the bad news are that the table is by default in the SYSTEM tablespace: SELECT OWNER, TABLE_NAME, TABLESPACE_NAME FORM DBA_TABLES WHERE TABLE_NAME = ‘AUD$’; OWNER  TABLE_NAME      TABLESPACE_NAME —— ————— —————————— SYS    AUD$            SYSTEM So the risk of having a full SYSTEM tablespace is very high if you plan to enable the audit feature, leading to possible unpredictable errors. The solution Continua a leggere

Panoramica di un bug interessante

Spesso è essere necessario caricare i dati nel database sotto uno schema diverso e in un diverso tablespace. Con Oracle Data Pump tutto questo è possibile in un modo molto semplice. Tra le varie opzioni della routine impdp si possono trovare: REMAP_SCHEMA REMAP_TABLESPACE REMAP_SCHEMA consente di caricare gli oggetti esportati sotto uno schema diverso; REMAP_TABLESPACE consente di caricare gli oggetti esportati sotto un tablespace diverso. Ovviamente, le opzioni possono essere utilizzate separatamente. Per esempio, se abbiamo la ADMIN.TAB1 sul tablespace ADMIN_TBS (che non è il tablespace predefinito di schema ADMIN): SQL> select owner, segment_name, tablespace_name from dba_segments where segment_name=’TAB1′ OWNER Continua a leggere